RIZZICONI

Arresti armi e droga, padre e figli davanti al Gip

Si tratta del 53enne Girolamo Giardino e i figli Michele di 26 anni e Gabriele di 21 - tratti in arresto dai carabinieri della stazione di Gioia Tauro e dello squadrone eliportato "Cacciatori Calabria" di Vibo, due giorni fa

Arresti armi e droga, padre e figli davanti al Gip

Compariranno stamane, difesi dagli avvocati Giuseppe Milicia e Girolamo La Rosa, dinnanzi al Gip del Tribunale di Palmi dott.ssa Barbara Borrelli, per l'interrogatorio di garanzia, padre e due figli di Rizziconi - il 53enne Girolamo Giardino e i figli Michele di 26 anni e Gabriele di 21 - tratti in arresto dai carabinieri della stazione di Gioia Tauro e dello squadrone eliportato "Cacciatori Calabria" di Vibo, due giorni fa.

Gli inquirenti li ritengono responsabili di detenzione illecita di arma comune da sparo clandestina e relativo munizionamento, nonché dei reati di ricettazione e detenzione di sostanze stupefacenti.

L'operazione dei carabinieri, nell'ambito di servizi di controllo del territorio disposti dalla compagnia carabinieri di Gioia Tauro finalizzati alla prevenzione e repressione dei reati in materia di armi e sostanze stupefacenti, ha avuto luogo in contrada Bosco Selvaggio Olmolongo, nel territorio comunale di Rizziconi.

I militari, nel corso di un'accurata e prolungata perquisizione in un terreno agricolo di proprietà dei Giardino, all'interno di un ricovero per attrezzi agricoli nonché deposito per concimi, hanno rinvenuto una pistola di fabbricazione ceca calibro 6.35, con matricola cancellata e completa di caricatore con sei proiettili. Nello stesso luogo, gli uomini dell'Arma hanno anche ritrovato poco più di un chilo di marijuana, già suddivisa in diverse confezioni. Nel corso della stessa perquisizione, i carabinieri hanno scoperto, all'interno di un'autovettura in disuso intestata agli stessi Giardino, posteggiata però in un terreno non recintato adiacente la loro proprietà, un revolver 357 Magnum con matricola abrasa.

Girolamo, Michele e Gabriele Giardino, al termine delle operazioni di polizia giudiziaria, una volta tratti in arresto, su disposizione della Procura di Palmi sono stati trasferiti presso la casa circondariale di Palmi, a disposizione dell'autorità giudiziaria competente. Le due pistole, le munizioni e la sostanza stupefacente ritrovate dai carabinieri sono state sequestrate in attesa dell'effettuazione delle successive analisi balistiche e biologiche da parte del Ris di Messina.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi