sant'alessio d'aspromonte

Il paese si ripopola grazie ai migranti

I progetti Sprar hanno fatto aumentare la popolazione da 340 a 400 persone. Il sindaco invitato al forum mondiale per l'educazione alla convivenza e alla pace di Madrid

Il paese si ripopola grazie ai migranti

Un paese svuotato dall'emigrazione che torna alla vita grazie ai migranti. E' Sant'Alessio d'Aspromonte, piccolo centro alle pendici dell'Aspromonte che grazie all'accoglienza con i progetti Sprar ha visto aumentare la propria popolazione da 340 a 400 persone.

Un progetto a cui ha creduto il Sindaco Stefano Ioli Calabrò e, con lui, il responsabile Luigi De Filippis, medico, che della gestione dei migranti sotto il profilo psicofisico ha fatto scuola, diventando punto di riferimento a livello nazionale nel trattamento dei cosiddetti "vulnerabili".

Un'esperienza, quella di Sant'Alessio - dove una ringhiera è stata dipinta con i colori dei Paesi di provenienza dei migranti - che ha portato il sindaco ad essere invitato a Madrid - è partito oggi - per partecipare al Forum mondiale contro le violenze urbane e l'educazione alla convivenza e alla pace.

I migranti sono stati inseriti nei servizi di pulizia delle aiuole, nel recupero floreale e in laboratori di falegnameria.

Commenti all'articolo

  • ghorio

    26 Aprile 2017 - 18:06

    Questo è l'esempio che dovrebbero seguire tutti i comuni in fase di spopolamento. In questo modo paesi sperduti e abbandonati possono rinascere.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

L'inferno di notte

L'inferno di notte

di Rocco Gentile