Altri 4 immobili

Reggio, i beni dei clan “restituiti” alla città

Beneficiari Linfovita, Happy Days, Istituto per la famiglia e Parrocchia S. Nicola. La gestione, finalizzata solo a scopi sociali, avrà una durata di quindici anni

Reggio, i beni dei clan “restituiti” alla città

Quattro nuovi beni sottratti alle cosche e restituiti alla comunità. Palazzo San Giorgio sta proseguendo nel percorso di assegnazione degli immobili per finalità sociali. Dieci i beni che in questa operazione il Comune contava di affidare in diverse aree della città. Di questi non tutti sono stati aggiudicati. Al bando del Comune sono arrivate nei tempi previsti per la presentazione delle offerte 33 domande. La commissione di valutazione delle istanze per l'affidamento solo dopo sei sedute è arrivata alla decisione. È stata prima verificata la completezza e la conformità della documentazione prodotta ai fini dell'ammissibilità delle istanze (8 organismi proponenti non sono stati ammessi alla fase successiva), quindi si è passati all'assegnazione dei punteggi con cui è stato deciso di assegnare l’immobile di via Cantaffio all’Ipr (l’istituto per la famiglia) che dovrà realizzare dei corsi di formazione per soggetti svantaggiati, per promuovere un possibile inserimento lavorativo, la parrocchia di San Nicola di Bari e Santa Maria della Neve invece avrà modo di promuovere iniziative di sociali nel bene di Cannavò.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Morto 23 giorni dopo la lite

Morto 23 giorni dopo la lite

di Rosario Stanizzi