Reggio Calabria

'Ndrangheta, scoperta
cupola segreta: i nomi

Coinvolti il senatore Antonio Caridi, di Forza Italia, l'ex deputato del Psdi Paolo Romeo, l'ex consigliere regionale e sottosegretario della Giunta regionale di centrodestra Alberto Sarra, l'avv. Giorgio De Stefano e Francesco Chirico

'Ndrangheta, scoperta "cupola segreta": i nomi

Individuata dai carabinieri quella che viene definita la "struttura segreta di vertice della 'ndrangheta in grado di dettare le linee strategiche" di tutta l'organizzazione e di "interagire sistematicamente e riservatamente con gli ambienti politici, istituzionali ed imprenditoriali": cinque gli arresti, eseguiti dai carabinieri del Ros e da quelli di Reggio Calabria. Secondo le indagini, la struttura dava le direttive a tutta l'organizzazione e teneva contatti di "alto livello" nei vari ambienti, "al fine di infiltrarli ed asservirli - affermano gli investigatori - ai propri interessi criminali". La struttura segreta scoperta avrebbe avuto un "ruolo determinante" nel condizionamento di alcuni "appuntamenti elettorali in ambito comunale, provinciale, regionale", nonché "nell'individuazione di propri affiliati da proiettare nel parlamento nazionale". L'ordinanza è stata emessa su richiesta della Dda di Reggio Calabria: i destinatari del provvedimento sono accusati di associazione mafiosa.

Il senatore Antonio Caridi, di Forza Italia, è una delle cinque persone coinvolte nell'operazione che ha portato alla scoperta della struttura segreta di vertice della 'ndrangheta. L'ordinanza è stata inviata alla Giunta per le autorizzazioni a procedere del Senato. Arrestati l'ex deputato del Psdi Paolo Romeo, già in carcere dal 9 maggio scorso, l'ex consigliere regionale e sottosegretario della Giunta regionale di centrodestra Alberto Sarra, l'avv. Giorgio De Stefano e Francesco Chirico. 

"La misura cautelare di oggi rappresenta un ulteriore sviluppo del descritto quadro 'ndranghetistico-massonico che figura in provincia di Reggio Calabria. Si tratta di un livello superiore". Questo il primo commento del procuratore di Reggio Calabria, Federico Cafiero de Raho, in merito all'inchiesta, denominata "Mammasantissima", che ha portato alla scoperta della "struttura segreta di vertice della 'ndrangheta". (AA)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi