Reggio Calabria

Quattro calciatori
raggiunti da Daspo

Destinatari gli atleti del Sant'Elia Ravagnese accusati di aver accerchiato e spintonato l'arbitro durante un match disputato lo scorso marzo

Quattro calciatori raggiunti da Daspo

Quattro provvedimenti Daspo della durata di un anno sono stati notificati dai carabinieri di Reggio Calabria ad altrettanti calciatori della squadra "Sant'Elia Ravagnese calcio". I provvedimenti che comprendono l'obbligo di presentazione alle stazioni cc dei comuni di residenza trenta minuti dopo l'inizio del primo e del secondo tempo in occasione di partite in casa o fuori casa della squadra, fanno seguito a quanto accaduto nell'incontro valido per il campionato di terza categoria, disputatosi nello stadio del quartiere Gallina il 19 marzo contro l'"A.S.D. Audax Ravagnese". Dopo avere subito un gol su rigore dalla squadra avversaria i quattro hanno accerchiato e spintonato l'arbitro inducendolo a sospendere la partita con possibile serio pericolo per il direttore di gara e per i presenti. L'arbitro, inoltre, è stato rincorso minacciosamente da uno dei quattro fino al punto di essere costretto a rifugiarsi negli spogliatoi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi