Reggio Calabria

Bancarotta, indagato Lillo Foti

Il provvedimento giunge a 20 giorni dall’udienza fissata dal Tribunale fallimentare

Bancarotta, indagato Lillo Foti

La Procura di Reggio Calabria ha ordinato il sequestro d’urgenza della “Reggina Calcio Spa” e di altre tre srl che gravitano nell’orbita della società del presidente Lillo Foti. Il provvedimento arriva a 20 giorni dall’udienza fissata davanti al Tribunale fallimentare. Secondo la Procura, una buona parte di quanto sostenuto nella richiesta di concordato preventivo per evitare il fallimento non corrisponderebbe al vero. Per i magistrati Dominijanni e Musolino non sarebbe vero che la Juventus si sarebbe impegnata a pagare 150mila euro all’anno alla Reggina; non vi sarebbe un accordo sulla corresponsione di circa 40mila euro con la Figc. Ancora, la Procura avrebbe scoperto che la concessione del Sant'Agata, la struttura che era stata già parzialmente oggetto di sequestro qualche mese fa, sarebbe già scaduta, quindi la Reggina avrebbe perso i diritti di rinnovo della convenzione per l’utilizzo. Infine, la Reggina non solo non vanterebbe nessun credito nei confronti del Comune di Reggio, ma anzi sarebbe debitrice.

L'approfondimento nell'edizione in edicola

Commenti all'articolo

  • salvinocodispoti

    09 Maggio 2016 - 00:12

    Mi viene difficile pensare che si sia arrivati a questo punto.... è chiaro che il periodo di grande splendore della Reggina è frutto di un "miracolo".... vista la realtà economica della città... per cui... da reggino che da 43 anni vive a Firenze... spero che Lillo Foti... che in qualche modo ci ha fatti sognare... riesca a dimostrare la sua innocenza....

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi