roma

Antimafia, no soppressione
Corte Appello Reggio

E' "assolutamente incomprensibile e non condivisibile la proposta" della Commissione Vietti di sopprimere la Corte di appello di Reggio Calabria. L'attacco arriva dalla Relazione sullo stato degli uffici giudiziari in Calabria, approvata all'unanimità dalla Commissione Antimafia.

Antimafia, no soppressione Corte Appello Reggio

E' "assolutamente incomprensibile e non condivisibile la proposta" della Commissione Vietti di sopprimere la Corte di appello di Reggio Calabria. L'attacco arriva dalla Relazione sullo stato degli uffici giudiziari in Calabria, approvata all'unanimità dalla Commissione Antimafia. "La prima, deflagrante conseguenza di tale progetto sarebbe la soppressione della procura distrettuale di Reggio Calabria, della sezione Gip-Gup, della sezione distrettuale per il riesame del tribunale di Reggio Calabria, del tribunale per i minorenni, e l'assorbimento di queste competenze da parte della procura della repubblica e del tribunale di Catanzaro uffici già in grave affanno rispetto alle urgenze del loro territorio", fanno notare i parlamentari dell'Antimafia. La Relazione, illustrata oggi dalla presidente Bindi, chiede, tra le altre cose, "l'ampliamento della pianta organica dei magistrati giudicanti del Tribunale di Reggio Calabria fino a riequilibrare il rapporto con i pubblici ministeri della procura distrettuale in linea con i tribunali di Roma, Milano, Napoli, Lecce, Genova"; "l'ampliamento della pianta organica della procura distrettuale di Catanzaro"; "conseguentemente l'ampliamento della pianta organica del tribunale distrettuale di Catanzaro fino a riequilibrare il rapporto con i pubblici ministeri della procura distrettuale in linea con i tribunali di Roma, Milano, Napoli, Lecce, Genova; reintrodurre la previsione per cui i magistrati ordinari in tirocinio che scelgano come prima sede sedi disagiate come Reggio Calabria o Catanzaro e i tribunali circondariali dei loro distretti, per la prima domanda di trasferimento dopo almeno 5 anni di permanenza nella prima sede disagiata abbiano corsia preferenziale a prescindere dall'anzianità e incentivi economici per tutto il tempo della permanenza nelle sedi disagiate per compensare i disagi logistici". Infine, si chiede di "prevedere punteggi aggiuntivi per i magistrati che diano la disponibilità ad applicazioni extradistrettuali di almeno 24 mesi presso le sedi disagiate".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi