Mala Sanitas

L’ex primario davanti al Gip per 9 ore

Alessandro Tripodi ha provato a difendersi nel faccia a faccia con gli inquirenti di Reggio. Interrogatori di garanzia: ascoltati pure i medici Maria Concetta Maio e Antonella Musella

L’ex primario davanti al Gip per 9 ore

È rimasto quasi 9 ore davanti al Gip di Reggio Calabria, Antonino Laganà, l’ex primario facente funzioni di Ginecologia e Ostetricia degli Ospedali Riuniti, Alessandro Tripodi. Il medico ha risposto a tutte le contestazioni accusatorie prospettate dagli inquirenti (alla presenza anche del procuratore aggiunto Gaetano Paci e dei pm Roberto Di Palma e Annamaria Frustaci) comprese le conversazioni telefoniche intercettate dalla Guardia di Finanza da cui emergerebbe uno spaccato di errori nella cura delle pazienti in gravidanza e di bimbi appena nati.

Il dottor Alessandro Tripodi avrebbe inoltre provato a chiarire il “modus operandi” nella gestione delle cartelle cliniche che secondo la tesi della Procura sarebbero state manipolate – a colpi di bianchetto – per coprire i casi di malasanità avvenuti nel 2010 nei reparti di Ginecologia e Ostetricia.

Interrogatorio di garanzia, ieri, anche per le dottoresse Maria Concetta Maio e Antonella Musella: la prima è rimasta in silenzio, la seconda ha invece risposto ai quesiti accusatori che le hanno sottoposto Gip e pubblici ministeri.

L'approfondimento nell'edizione in edicola

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi