reggio calabria

Maxi sequestro, colpita cosca Piromalli

Fiamme gialle in azione tra Calabria e Campania, centrato il cuore imprenditoriale della cosca Piromalli di Gioia Tauro. C'è anche il più grande parco commerciale della regione tra i beni sequestrati

guardia di finanza

Beni per circa 215 milioni di euro sono stati sequestrati, tra Calabria e Campania, dai finanzieri del Comando provinciale di Reggio Calabria, del Nucleo speciale Polizia Valutaria e del Servizio Centrale I.C.O. di Roma nei confronti di un imprenditore ritenuto contiguo alla cosca dei Piromalli di Gioia Tauro. Dalle indagini, hanno riferito gli investigatori, sarebbe emersa l'esistenza di un indissolubile rapporto di sinergia economico-criminale tra l'imprenditore e la cosca. L'uomo, infatti, si sarebbe prestato, volontariamente e consapevolmente, al perseguimento degli scopi imprenditoriali ed economici della 'ndrina sviluppando nel tempo solide cointeressenze economiche e da ingenti investimenti a Gioia Tauro. Dalle indagini è emersa la sproporzione tra il patrimonio e i redditi dichiarati. Complessivamente sono stati sequestrati il patrimonio aziendale e le quote sociali di 6 imprese, 85 unità immobiliari, 42 rapporti finanziari e denaro contante per quasi 700 mila euro.

Colpito il cuore imprenditoriale della cosca:

C'è anche il più grande parco commerciale della Calabria tra i beni sequestrati stamani dalla Guardia di Finanza ad un imprenditore ritenuto contiguo alla cosca Piromalli di Gioia Tauro e ritenuto il "cuore imprenditoriale" della cosca stessa. Si tratta del Parco "Annunziata" dell'imprenditore Alfonso Annunziata, di origini campane ma trasferitosi a Gioia Tauro alla fine degli anni '80. Il centro era già stato sequestrato nel marzo dello scorso anno nell'operazione "Bucefalo" condotta contro la cosca Piromalli. Allora si trattava di un sequestro penale, mentre in questo caso il provvedimento - emesso dal Tribunale di Reggio Calabria su richiesta della Procura della Repubblica - rientra tra le misure di prevenzione. L'attività è attualmente in amministrazione giudiziaria e, secondo gli investigatori, è "un esempio virtuoso nella gestione dei beni sequestrati". In occasione dell'operazione "Bucefalo", Annunziata è stato arrestato per associazione mafiosa. Il processo che lo vede imputato si sta celebrando davanti ai giudici del Tribunale di Palmi. Secondo quanto aveva scritto il gip di Reggio Calabria nell'ordinanza di custodia cautelare, Annunziata "non è un imprenditore vittima, non è stato e non è costretto a favorire la cosca Piromalli. Al contrario, è un soggetto storicamente legato ai componenti di vertice della famiglia ed è, dunque, un soggetto intraneo che si presta da oltre 20 anni volontariamente e consapevolmente al perseguimento degli scopi imprenditoriali ed economici della cosca. Annunziata, in definitiva, è da ritenere partecipe della cosca Piromalli, rappresentandone il 'cuore imprenditoriale'". L'esistenza di un indissolubile rapporto di cointeressenza economico-criminale tra Annunziata ed i Piromalli, che risalirebbe sin dalla prima metà degli anni '80, secondo l'accusa, avrebbe trovato riscontro nelle dichiarazioni di diversi collaboratori di giustizia oltre che nelle indagini, svolte anche mediante intercettazioni telefoniche e ambientali. Significa in tal senso, per gli investigatori, è una conversazione in cui Annunziata, parlando in auto con la moglie mentre transita davanti a un terreno in cui si trova una villa di proprietà dei Piromalli, racconta di quando si era più volte recato a trovare "Peppe il vecchio", il boss Giuseppe Piromalli, quando quest'ultimo all'epoca latitante - era ricercato nel luglio 1979 ed è stato arrestato nel 1984 - si trovava in una baracca a giocare a carte con altri amici. (ANSA)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi