Oppido Mamertina-Palmi

Tornano le processioni dopo lo stop per gli "inchini"

Tornano le processioni dopo lo stop per gli "inchini"

Dal prossimo 4 aprile, nella Diocesi di Oppido Mamertina-Palmi si potrà tornare a svolgere processioni religiose dopo lo stop, durato quasi due anni, imposto dal vescovo Francesco Milito in seguito al presunto "inchino" - un dondolamento dell'effige sacra - rivolto verso la casa del presunto boss Beppe Mazzagatti in occasione della processione della Madonna delle Grazie della frazione Tresilico, svoltasi a Oppido nel luglio 2014. E' stato lo stesso vescovo mons. Milito ad approvare un documento, "Dalla Liberazione alla Comunione. Principi e Norme su Feste e le Processioni per la Diocesi di Oppido Mamertina-Palmi", col quale si autorizzano di nuovo le processioni. Il documento sarà consegnato domani, giorno di Pasqua, ai parroci. La prima processione a tornare sarà quella della Madonna dell'Annunziata, protettrice della Diocesi, in programma il 4 aprile prossimo a Oppido. Si sono svolti regolarmente, perché autorizzati già lo scorso anno, i riti pasquali di questi giorni. Nell'atto di mons. Milito - che ha validità 3 anni, dopo i quali sarà fatta una verifica - si parla anche della preparazione dei componenti i Comitati che organizzano le feste e dei portatori delle effigi sacre. Entrambi, "sono chiamati ad essere formati e consapevoli del prezioso contributo che danno per il decoro e la crescita della comunità di appartenenza nella misura in cui si lasciano guidare dalle norme e dalle indicazioni della Chiesa per comprendere che il primo servizio è sapersi esaminare onestamente e farsi avanti con animo retto e coscienza pura evitando presenze improvvisate e pretendenti ruoli ai quali non si è debitamente preparati fino ad arrivare ad una vera e propria spiritualità del portatore che faccia maturare il proprio cammino di fede". Dopo la consegna ai parroci, la prossima settimana sarà distribuito ai sindaci e quindi sarà discusso in un'assemblea pubblica in programma il 15 aprile nell'Istituto tecnico Severi di Gioia Tauro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi