REGGIO CALABRIA

Ordigno inesploso, Falcomatà duro

E' un segnale gravissimo che merita una reazione decisa da parte di tutte le istituzioni e dell'intera comunità reggina. Confidiamo nel lavoro delle forze dell'ordine e della magistratura" , così il primo cittadino dopo l'intimidazione ai danni di un esercizio commerciale.

Falcomatà

Giuseppe Falcomatà

"L'ordigno rudimentale inesploso rinvenuto oggi di fronte ad un'attività commerciale del Corso Garibaldi di Reggio Calabria è un segnale gravissimo che merita una reazione decisa da parte di tutte le istituzioni e dell'intera comunità reggina. Confidiamo nel lavoro delle forze dell'ordine e della magistratura, che hanno sempre dimostrato grande tempestività e capacità investigativa, perché i responsabili di questo vile atto intimidatorio siano presto assicurati alla giustizia". Lo afferma il sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà. "L'ordigno rinvenuto - ha aggiunto l'Assessore comunale alla legalità Giovanni Muraca - conteneva una grande quantità di liquido infiammabile e se fosse esploso avrebbe potuto causare una strage, considerando che il sabato notte quell'area centrale della città è frequentata da migliaia di giovani". "Di fronte a tutto questo - ha commentato ancora Falcomatà - è necessario che le istituzioni facciano quadrato, stringendosi attorno agli imprenditori onesti e all'economia sana della città. Non dobbiamo perdere la capacità di indignarci, condannando con forza qualsiasi episodio di violenza criminale che punti a minare le dinamiche commerciali del tessuto economico cittadino. Il nostro compito è quello di proteggere questa comunità, alimentando attraverso scelte nette e decise, la voglia di cambiamento e di crescita dei reggini onesti e laboriosi che sono la stragrande maggioranza e non hanno alcuna voglia di rimanere ostaggio di una minoranza violenta e criminale".( A.A.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi