Reggio Calabria

Chiesta pena 7 anni per Rosy Canale

La fondatrice dell'associazione antimafia "Movimento donne di San Luca" coinvolta nell'inchiesta chiamata Inganno.

Chiesta pena 7 anni per Rosy Canale

Rosy Canale

Il pubblico ministero della Dda di Reggio Calabria, Francesco Tedesco, ha chiesto la condanna a sette anni di reclusione per Rosy Canale, la fondatrice dell'associazione antimafia "Movimento donne di San Luca" coinvolta nell'inchiesta chiamata Inganno. La richiesta di condanna è giunta al termine di una requisitoria durata oltre tre ore. Il processo a Rosy Canale è in corso davanti ai giudici del tribunale di Locri. L'imputata è stata rinviata a giudizio il 27 giugno del 2014 per i reati di truffa e malversazione. La donna, secondo l'accusa, ha usufruito di finanziamenti pubblici destinati all'attività del movimento antimafia, utilizzandoli in realtà per scopi personali. (a.a.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi