Nel Reggino

Bovalino, arrestato dipendente comunale

L’indagine riguarda anomalie relative alle istanze per i suoli cimiteriali. L’accusa: aver intascato circa 80mila euro derivanti da canoni di concessione

Bovalino, arrestato dipendente comunale

Peculato e truffa. È a seguito di questi reati che ieri gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Bovalino, diretto dal commissario capo Carlo Casaburi, in collaborazione con gli agenti della Squadra mobile di Reggio Calabria, hanno arrestato il dipendente del Comune di Bovalino, Carmelo Filippo Sprio.

L’arresto del 60enne dipendente comunale è scattato a seguito di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dall’autorità giudiziaria di Locri.

Il provvedimento restrittivo trae origine dall’avvenuta verifica, effettuata a seguito di un esposto, di evidenti anomalie riscontrate dagli investigatori in alcuni fascicoli relativi alle istanze di concessione dei suoli cimiteriali, per le quali, il dipendente dell’ufficio tecnico, Carmelo Filippo Sprio ricopriva il ruolo di responsabile unico del procedimento (Rup).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi