Palmi

Annullata confisca dei beni ad Ercole e Aldo Gaglianò

Trasferiti al Nord da Cittanova. Decisione con rinvio della Suprema Corte di Cassazione

Annullata confisca dei beni ad Ercole e Aldo Gaglianò

La sesta sezione della Corte di Cassazione, in accoglimento dei ricorsi presentati dagli avvocati Nico D’Ascola, Vittorio Pendini e Guido Contestabile, ha annullato con rinvio il decreto di confisca di tutti i beni dei fratelli Aldo ed Ercole Gaglianò.

Anche il procuratore generale della Suprema Corte aveva richiesto l’annullamento con rinvio del decreto emesso dalla Corte d’Appello di Reggio Calabria. Nella ricostruzione offerta dal Pg si evidenziava l’esigenza di un nuovo esame, «anche al fine di valutare l’eventuale pericolosità generica dei preposti, essendo indicate numerose condotte illecite che non sono state poi concretamente valutate dai giudici di merito».

Il collegio difensivo dei due Gagliano (originari di Cittanova ma da tempo residenti nel Nord Italia) aveva chiesto l’annullamento per violazione di legge.

L'approfondimento nell'edizione in edicola

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi