Siderno

Era a disposizione degli “amici”

I giudici: «Cherubino accettava consapevolmente i voti della ’ndrangheta». I giudici: «Cherubino accettava consapevolmente i voti della ’ndrangheta»

Era a disposizione degli “amici”

Cosimo Cherubino

«Dalle emergenze istruttorie è facilmente delineabile la figura di Cosimo Cherubino come un affiliato alla ‘ndrangheta che, nel corso degli anni, si è dedicato alla carriera politica sfruttando l’appoggio dei suoi sodali e ricercando il consenso anche al di fuori dello stretto territorio di appartenenza, sulla base dell’indiscutibile presupposto (connesso al suo status di partecipe) che sarebbe stato sempre “a disposizione degli amici”». È quanto scrivono i giudici del tribunale di Locri nella sentenza del processo “Falsa politica”, relativamente all’ex consigliere regionale Cosimo Cherubino, condannato a 12 anni di reclusione per partecipazione a un sodalizio criminoso operante a Siderno.

L'approfondimento nell'edizione della Gazzetta del Sud in edicola

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi