Nel Reggino

«Vogliono assassinare Ceratti»

Bianco, il vicesindaco messo d’ufficio sotto scorta. È medico come il padre Stefano, ucciso nel suo studio 23 anni orsono

«Vogliono assassinare Ceratti»

Stavano progettando un attentato alla vita del vicesindaco di Bianco, Pasquale Ceratti: è questo quanto emerso da diverse intercettazioni ambientali che hanno portato all’assegnazione di una scorta al noto professionista di Bianco. Un incubo iniziato il 23 dicembre, quando i carabinieri della locale stazione, dopo aver ascoltato il 42enne Pasquale Ceratti, gli hanno comunicato che da quel momento sarebbe stato sottoposto a vigilanza.

Mentre gli inquirenti proseguono le indagini senza l’esclusione di alcuna pista, partendo principalmente dalla sua attività politica amministrativa, la vita della famiglia Ceratti è tornata nello sconforto, ricordando quel lontano 7 aprile 1992 quando il cardiologo Stefano Ceratti, padre di Pasquale, venne ucciso da un killer all’interno del suo studio a Bianco.

L'approfondimento nell'edizione della Gazzetta del Sud in edicola

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi