Reggio Calabria

Clan De Stefano, il “Principe” resta in cella

La gang, legata alla potente cosca di Archi, è accusata di estorsione all’impresa che lavorava al Museo

Clan De Stefano, il “Principe” resta in cella

Restano in carcere le cinque persone fermate dalla Procura distrettuale antimafia di Reggio nell’ambito dell’operazione “Il Principe”.

Il gip Domenico Santoro ha trasformato in ordinanza di custodia cautelare in carcere il provvedimento messo nei confronti di Giovanni De Stefano “il principe”, e dei complici Vincenzo Morabito, Arturo Assumma, Fabio Arecchi e Francesco Votano.

A Giovanni De Stefano (unitamente ad un altro detenuto nell’ambito dell’operazione "Il Padrino"), viene contestato il ruolo di capo e promotore con compiti di direzione, decisione, pianificazione e individuazione delle azioni e delle strategie del sodalizio criminoso.

L'approfondimento nell'edizione della Gazzetta del Sud in edicola

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi