Gioia Tauro

Sequestrata cocaina
tra caffè e alluminio

Attività della Guardia di finanza e dell'Agenzia delle Dogane nel porto calabrese. Requisiti ben 344 chilogrammi di sostanza stupefacente nascosta nei container

Sequestrata cocainatra caffè e alluminio

La Guardia di finanza di Reggio Calabria ed il personale dell'Agenzia delle Dogane hanno sequestrato nel porto di Gioia Tauro due carichi di cocaina per un peso di 344 chili. Cinquantacinque chili erano in un container che trasportava alluminio, proveniente dal Brasile e diretto in Slovenia. Altri 289 chili di cocaina erano in un container che trasportava caffè, proveniente dal Brasile e diretto a Trieste. Le indagini sono dirette dalla Dda di Reggio Calabria.

La Guardia di finanza ha scoperto la droga incrociando i documenti di trasporto con i successivi controlli di container sospetti, e anche con le apparecchiature scanner ed unità cinofile. La cocaina sequestrata avrebbe fruttato con la vendita al dettaglio circa 70 milioni di euro. L'attività della Guardia di finanza, in collaborazione con l'Agenzia delle Dogane, si inserisce nell'ambito di una intensificazione dell'attività di contrasto al traffico internazionale di droga che ha portato, dall'inizio dell'anno, al sequestro di circa 932 chili di cocaina.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi