Reggio Calabria

Alloggio popolare occupato da terzi, Aterp condannata a pagare

Un assegnatario di una casa popolare impossibilitato a usufruirne perché occupata abusivamente da terzi. Aterp condannata a pagare i danni non patrimoniali

Alloggio popolare occupato da terzi, Aterp condannata a pagare

Dieci anni di attesa. Tanto ha dovuto aspettare un signore che aveva avuto l’ok all’assegnazione di una casa popolare. Quella casa è stata allo stesso interdetta perché occupata abusivamente da terzi. Un’odissea lunghissima conclusa con una sentenza di condanna che ha riconosciuto responsabile l’Azienda Territoriale di edilizia residenziale pubblica di Reggio Calabria. In particolare il Tribunale ha riconosciuto all’avente diritto (nel frattempo deceduto) all’alloggio popolare i danni non patrimoniali per la mancata fruizione prolungata della casa. La vicenda adesso è sotto esame della Corte d’Appello di Reggio alla quale si è rivolta la stessa Aterp per contestare la sentenza di primio grado. Una vicenda che rischia di fare giurisprudenza per le occupazioni abusive.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi