INCHIESTA 49%-ATHENA

Il business
della manutenzione

Domani davanti al gip, Domenico Santoro gli interrogatori di garanzia degli otto arrestati

Il cedir è sede della procura della Repubblica di Reggio
Un escamatoge, astuto e fantasioso, per intascare la tangente. Nelle carte dell'inchiesta "49%-Athena" un capitolo è dedicato proprio le fatture gonfiate dalle ditte addette alle manutenzione dei mezzi della Leonia, la società che gestisce il servizio di raccolta dei rifiuti soldi urbani in città. Per intascare soldi a non finire, come fosse un bancomat senza limiti di prelievo, gli uomini della cosca Fontana presentavano fatture per lavori di riparazione fantasma. Una situazione insostenibile, costringendo il direttore operativo della "Leonia", Bruno De Caria, a sbottare con Antonio, respnsanile della ditta Mazzocchia, stanco di sborsare soldi per la sostituzione delle lampadine di illuminazione degli autocompattori della "Leonia".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi