Seminara (RC)

Delitto Iannì
fermati due fratelli

Colpo di scena sulla morte dell’imprenditore: l’inatteso coinvolgimento di noti professionisti. Antonio e Salvatore Costantino. Il presunto movente: una lite giudiziaria.

Delitto Iannì
fermati due fratelli

Sulle tracce di una causa pendente riguardante una servitù di passaggio, si sono indirizzati gli inquirenti che, dopo circa un’ora dal fatto di sangue, hanno perquisito le
proprietà di due noti professionisti, i fratelli Salvatore e Antonio Costantino entrambi di Seminara, rispettivamente 47 e 51 anni, commercialista il primo, dipendente comunale il secondo.
I militari hanno setacciato le loro abitazioni e gli immobili di pertinenza. I due fratelli, dopo un lungo interrogatorio nei locali della stazione dei carabinieri di Seminara, sono
stati condotti presso gli uffici della Compagnia di Palmi, dove sono stati sentiti per tutta la notte dal pm Enzo Bucarelli, con l’assistenza del loro legale, avv. Lorenzo Gatto, rappresentato dai suoi collaboratori avv. Giovanna Cormaci e avv. Giovanni Calarco. Dopo l’interrogatorio, il dott. Bucarelli, ha emesso il provvedimento di fermo nei confronti dei due per le contraddizioni emerse nel corso dell’interrogatorio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi