BAGNARA

La paura dei cittadini
per la frana di Malopasso

L'arrivo della stagione delle piogge rinnova i timori per l'area interessata da modesti interventi

La paura dei cittadini
per la frana di Malopasso

La frana di Malopasso vicino al centro abitato

Le piogge riaccende la paura dissesto idrogeologico. A Bagnara l'area più minacciosa sembra essere quello del “Vallone Malopasso”, una gigantesca frana i cui numerosi detriti giacciono ancora lì, sopra la testa di migliaia di cittadini. 

L’enorme cedimento, infatti, risale allo scorso anno. La zona sovrasta il popoloso quartiere di Marinella è situata precisamente in contrada “Santa Barbara”, un’area sottostante al Km 499/500 della Ss 18.  Oltre a fango e detriti, diversi sono stati i massi di notevoli dimensioni precipitati in prossimità del torrente “Gaziano” che hanno provocato una condizione di potenziale emergenza per l’abitato. 

Quest'area fu da subito segnalata dall'autorità di bacino come a rischio R4. Nel periodo in cui si staccò la gigantesca frana, l’amministrazione comunale si mobilitò inviando una squadra speciale di tecnici per monitorare il costone informando tempestivamente la Prefettura e gli altri enti preposti. Il sindaco Cesare Zappia, emanò  un’ordinanza per inibire l’accesso alla zona e dopo alcuni mesi ospitò a Palazzo San Nicola un vertice istituzionale con i rappresentanti della Provincia, ponendo l’attenzione sugli interventi necessari per far fronte all’emergenza. Da allora sono state ripulite le canalizzazioni dell’acqua e la Provincia avrebbe stanziato ben 200.000 euro. Ad oggi, però, i detriti rimangono ancora lì e, anche se la frana ha superato lo scorso inverno senza provocare particolari disagi, non vi sarebbe affatto garantita la sicurezza che in caso di forti precipitazioni quei detriti non piombino pericolosamente a valle.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi