Corruzione: Chinnici (Pd), esecutivo Ue adotti posizione ferma

Corruzione: Chinnici (Pd), esecutivo Ue adotti posizione ferma

STRASBURGO  - "È indispensabile che la Commissione Europea dica, prendendo posizione con fermezza, quale strategia intende adottare per contrastare il fenomeno della corruzione e svolga, se vuole essere credibile su questi temi, una seria valutazione sulla conformità delle proprie istituzioni alla convenzione Onu contro la corruzione, ancora non pienamente attuata sebbene ratificata quasi dieci anni fa".

 

E' quanto ha chiesto oggi l'europarlamentare dem Caterina Chinnici intervenendo al dibattito della plenaria del Parlamento Europeo a Strasburgo, sull'interrogazione orale che chiede all'esecutivo Ue di riprendere la pubblicazione delle relazioni biennali sulla corruzione. Relazioni "essenziali", ha sottolineato l'eurodeputata siciliana, relatrice del testo per conto di S&D, per "incentivare gli stati membri ad applicare i molti strumenti istituzionali e legali esistenti".

 

"Nel 2014 la commissione ha emanato un primo rapporto contenente specifiche raccomandazioni - ha aggiunto - ma da allora non lo ha più fatto malgrado avesse annunciato la pubblicazione con frequenza biennale". L'europarlamentare ha infine chiesto "norme uniformi a livello europeo per la protezione di informatori, testimoni e collaboratori di giustizia", e di stabilire "con la dovuta specificità una nozione giuridica comune di criminalità organizzata". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi