Tajani riceve domani a Enna il premio 'Rocco Chinnici'

Tajani riceve domani a Enna il premio 'Rocco Chinnici'

BRUXELLES  - Il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, sarà domani ad Enna, in Sicilia, per ricevere il premio 'Rocco Chinnici', intitolato alla memoria del magistrato che creò il pool antimafia e venne ucciso nel 1983 in un attentato a Palermo.

La cerimonia di premiazione si terrà al Teatro Garibaldi (Piazza Armerina) a partire dalle 16.30.

Oltre a Tajani, saranno premiati anche Federica Angeli, la giornalista di Repubblica costretta a vivere sotto scorta a seguito delle sue inchieste sul crimine organizzato, e l'attore Sergio Castellitto che, di recente, ha interpretato il ruolo del magistrato Chinnici in una fiction tv che è stata presentata in anteprima al Parlamento europeo a Bruxelles, riferisce una nota.

Prima di ritirare questo riconoscimento ad Enna, Tajani si recherà a Siracusa, intorno alle 13, dove visiterà l'International Institute for Criminal Justice and Human Rights.

Giunto alla sua XV edizione, il premio è promosso dall'Istituto comprensivo "Chinnici-Roncalli" e dall'associazione "Premio Rocco Chinnici".

Scopo del premio è contribuire allo sviluppo dell'educazione alla legalità fra i giovani, alla formazione di una coscienza civile e democratica, quale antidoto a contrasto del fenomeno mafioso e ogni forma di illegalità.

Il premio è suddiviso in due settori: Settore A (destinato a tutti i cittadini ed organismi pubblici o privati, operanti nel territorio nazionale, che con l'esempio e l'esercizio della loro attività hanno contribuito all'affermazione della cultura della legalità) ed un Settore B (riservato agli Istituti Scolastici ed ai laureati, in qualsiasi Ateneo italiano, che hanno discusso una tesi su un argomento attinente alle finalità del premio).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Tragedia in autostrada, due vittime

Tragedia in autostrada, due vittime

di Emanuele Cammaroto - Pasquale Prestia