Il dialogo Serbia-Kosovo sull'orlo della rottura

Il dialogo Serbia-Kosovo sull'orlo della rottura

BELGRADO - Il nuovo incontro fra i presidenti serbo e kosovaro, Aleksandar Vucic e Hashim Thaci, svoltosi oggi a Bruxelles con la mediazione dell'Alto rappresentante Ue Federica Mogherini è stato breve e molto teso, come hanno riferito sia Vucic che Thaci. Per il presidente kosovaro, citato dai media serbi, quello di oggi è stato "il più breve e il peggior incontro con la parte serba degli ultimi sei anni". Anche Vucic, in una breve dichiarazione alla stampa serba, ha parlato di una riunione "difficile e molto complessa".

 

Durante l'incontro, ha detto, ci si è comunque accordati su due cose: "la prima è la volontà di continuare nel negoziato, cercando di trovare un comune denominatore per una soluzione di compromesso. La seconda riguarda la volontà di salvaguardare la pace e la stabilità nei rapporti tra Belgrado e Pristina". Il presidente serbo ha ribadito che mentre Belgrado cerca di arrivare a un compromesso per il quale nessuna delle due parti venga umiliata, Pristina e il presidente Hashim Thaci vogliono ottenere tutto, e tutto a favore degli albanesi del Kosovo. "L'unica soluzione di compromesso che loro in continuazione propongono è il riconoscimento dell'indipendenza del Kosovo. Ma così la cosa non può funzionare".

 

Per il presidente serbo, compromesso vuol dire che ognuna delle parti rinuncia a qualcosa. "Voi non potete essere del tutto soddisfatti, e anche noi non possiamo essere pienamente soddisfatti. Se tutte e due le parti sono ugualmente insoddisfatte, allora vuol dire che si può raggiungere una vera soluzione di compromesso", ha affermato Vucic. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Domani i funerali di Marta Danisi

Oggi i funerali di Marta Danisi

di Rosario Pasciuto