Passo avanti al Parlamento Ue per rafforzare democrazia partecipativa

Passo avanti al Parlamento Ue per rafforzare democrazia partecipativa

BRUXELLES - Passo avanti verso la riforma del regolamento che permette ai cittadini europei di presentare proposte normative direttamente alla Commissione Ue, a fronte della raccolta di un milione di firme in almeno 7 Paesi, il cosiddetto Ice. Il Parlamento europeo ha approvato il mandato per dare avvio ai negoziati sulla semplificazione delle procedure di raccolta delle firme poiché dal 2012, cioè da quando è in vigore questo strumento che somiglia alla 'proposta di legge di iniziativa popolare' italiana, poche 'iniziative' hanno completato l'iter.

 

La proposta di riforma prevede in particolare di abbassare da 18 a 16 anni il limite di età per poter sottoscrivere la proposta di legge, e chiede alla Commissione Ue di creare un registro online con le informazioni aggiornate sulle iniziative in corso. Inoltre l'esecutivo Ue è chiamato a mettere a disposizione gratuitamente un servizio centralizzato online per la raccolta delle firme entro il 2020 e a ridurre la quantità di dati necessari per convalidare le firme, ammettendo solo un formulario elettronico o cartaceo. Agli Stati membri si chiede di istituire degli uffici che possano fornire informazioni legali ai potenziali organizzatori. Dal 2012 circa 9 milioni di cittadini hanno sottoscritto delle proposte di legge, in quattro casi è stata completata la procedura e solo in uno, quello del 'Right2Water' la Commissione ha presentato una proposta di riforma sulla Direttiva Acqua potabile.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Tragedia in autostrada, due vittime

Tragedia in autostrada, due vittime

di Emanuele Cammaroto - Pasquale Prestia