Corte Ue, dopo 10 anni residenza più difficile espulsioni

Corte Ue, dopo 10 anni residenza più difficile espulsioni

BRUXELLES - Dopo 10 anni di residenza in un altro Paese Ue, diventa più difficile espellere e rimandare nel Paese d'origine un cittadino europeo che sia stato in carcere per crimini comuni. Ogni situazione individuale va valutata caso per caso per verificare se i legami di integrazione non si sono interrotti con la detenzione. E' quanto ha stabilito la Corte Ue in merito a due casi, uno riguardante un cittadino italiano, il signor Franco Vomero, residente in Gran Bretagna dal 1985 e che tra il 2002 e il 2006 è stato in carcere per omicidio. Il secondo riguarda un cittadino greco residente in Germania dal 1993 e che nel 2013 è stato condannato per rapina a 5 anni di reclusione.

 

Secondo i giudici di Lussemburgo un cittadino Ue beneficia di tale livello di protezione rafforzato legato al soggiorno di dieci anni nello stato membro ospitante solo quando abbia preventivamente soddisfatto le condizioni per un soggiorno ininterrotto di 5 anni. Di conseguenza "occorre effettuare sistematicamente una valutazione complessiva della situazione dell'interessato al momento preciso in cui si pone la questione dell'allontanamento". Di conseguenza "il fatto che l'interessato sia stato posto in stato di detenzione nello Stato membro ospitante non rompe automaticamente i legami di integrazione che detta persona ha creato" con il Paese in questione e, pertanto, "non lo priva automaticamente della protezione rafforzata".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi