Ue preoccupata da minacce ibride, rafforza capacità risposta

Ue preoccupata da minacce ibride, rafforza capacità risposta

LUSSEMBURGO  - Il Consiglio dell'Ue "esprime grave preoccupazione per le crescenti capacità e volontà di Stati terzi e altri attori di perseguire i propri obiettivi intraprendendo attività informatiche dolose. L'Ue continuerà a rafforzare le proprie capacità di rispondere a minacce ibride". Si legge nelle conclusioni che riguardano il punto sulle minacce ibride, della riunione dei ministri degli Esteri dell'Ue, a cui partecipa il ministro Angelino Alfano.

 

"Il Consiglio - si legge in una nota - condanna fermamente l'uso illecito di tecnologie dell'informazione e della comunicazione (Tic), inclusi Wannacry e NotPetya, che hanno causato danni significativi e perdite economiche nell'UE e nel resto del mondo, e sottolinea che l'uso delle Tic a fini dolosi è inaccettabile".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi