Melbourne

Un coccodrillo
tra i bagagli

Il personale delle linee aeree è abituato ai passeggeri aggressivi, ma gli addetti ai bagagli dell'aeroporto di Melbourne, in Australia, non erano preparati a un viaggiatore particolarmente scorbutico: quando hanno aperto la stiva di un aereo Qantas proveniente da Brisbane.

Un coccodrillo
tra i bagagli

 Il personale delle linee aeree è abituato ai passeggeri aggressivi, ma gli addetti ai bagagli dell'aeroporto di Melbourne, in Australia, non erano preparati a un viaggiatore particolarmente scorbutico: quando hanno aperto la stiva di un aereo Qantas proveniente da Brisbane.

 Un piccolo coccodrillo era riuscito a uscire dalla sua gabbia e circolava liberamente fra i bagagli. Un portavoce della Qantas ha confermato oggi l"evasioné, avvenuta lunedì scorso, precisando che il coccodrillo, meno di un metro di lunghezza, è stato prontamente catturato e rinchiuso di nuovo in gabbia. Ha aggiunto che il rettile era stato spedito da un cliente della compagnia di trasporti in joint venture con la Qantas, Australian Air Express. "L'animale è stato messo al sicuro rapidamente e senza incidenti quando l'aereo è atterrato a Melbourne", ha detto il portavoce. "Le indagini si concentrano ora sulle procedure di consegna e di carico seguite per questo particolare tipo di spedizione", ha aggiunto.

Non e' la prima volta che un animale feroce provoca il panico in un aeroporto: il 2 settembre 2011 la polizia tedesca ha fermato allo scalo di Monaco un giovane viaggiatore austrialiano con 36 pitoni vivi nascosti nel bagaglio. I pericolosi serpenti che stavano per essere trasportati in aereo, ricordano il thriller del 2006 di David R.Ellis, Snake on a plane: su un volo transoceanico, l'agente dell'Fbi Flynny sta scortando un testimone che durante il volo qualcuno tentera' di uccidere liberando dei serpenti velenosi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi