Afghanistan

Scoppio a Kabul
morti dieci bambini

Una carica di esplosivo portata da un bambino è esplosa davanti alla sede della Cooperazione italiana a Kabul. Le vittime sono una decina, quasi tutti bambini.

Scoppio a Kabul
morti dieci bambini
Una carica di esplosivo portata da un bambino è esplosa oggi, a quanto sembra accidentalmente, davanti alla sede della Cooperazione italiana a Kabul. Lo ha appreso l'Ansa da fonti affidabili. Secondo un primo bilancio le vittime sono una decina, quasi tutti bambini.

E' quindi questa l'esplosione che alcune fonti avevano creduto in un primo momento provocata da un razzo lanciato verso il quartier generale della Forza internazionale di assistenza alla sicurezza (Isaf, sotto comando Nato). Le fonti hanno assicurato all'ANSA che sia il personale della Cooperazione, sia quello dell'ambasciata che si trova 300 metri più avanti non hanno riportato danni. Davanti alla sede della Cooperazione italiana sostano spesso gruppi di bambini che vendono piccoli oggetti ai diplomatici e al personale militare di passaggio. Le fonti hanno aggiunto che "probabilmente la carica di esplosivo doveva servire per un attentato alla Fondazione dedicata ad Ahmad Shah Massoud, nell'undicesimo anniversario della sua morte. I bambini rimasti coinvolti nell'esplosione, si è infine appreso, sono stati trasportati nell'Ospedale di Emergency di Gino Strada a Kabul.

Stamani due autorevoli anziani tribali afghani e due donne sono morti in due attentati realizzati da sconosciuti nell'Afghanistan meridionale. Lo ha appreso l'ANSA da fonti locali. Il portavoce del governo della provincia di Uruzgan, Amir Muhammad Akhundzada, ha indicato che "vi è stata una forte esplosione vicino alla prigione provinciale di Tarinkot in cui hanno perso la vita il vice presidente del Consiglio per le riforme, Naimatullah, e un altro influente anziano, Malik Abdul Majeed".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi