Messina

Vivaismo agrumicolo
settore in forte crisi

Quali iniziative la Provincia di Messina intende intraprendere per la salvaguardia dei posti di lavoro, delle professionalità e dell’economia?

Vivaismo agrumicolo
settore in forte crisi

Preoccupazione, per le “misure di  protezione contro la diffusione di organismi nocivi dei prodotti vegetali” e per il rilascio dell’autorizzazione vivaistica ai sensi della vigente normativa oggetto di una recente nota emanata dall’Assessorato Regionale delle Risorse Agricole e Alimentari. L’applicazione letterale delle disposizioni nei tempi e modi previsti risulta infatti per gli operatori del settore di difficile applicazione in quanto tali norme non tengono conto delle difficoltà operative di applicazione della legge. Sulla questione diversi interventi da parte dei gruppi politici. Proprio ieri il capogruppo Udc della Provincia di Messina, Rosario Sidoti ha chiesto un intervento del presidente Ricevuto evidenziando che che “i vivaisti agrumicoli, per affrontare la crisi che attanaglia il settore da un ventennio, hanno riconvertito il vivaismo agrumicolo tradizionale in vivaismo agrumicolo - ornamentale, a proprie spese e con investimenti notevoli. Tali sforzi hanno fatto si che il florovivaismo agrumicolo della Provincia di Messina, diventasse il fiore all’occhiello della produzione florovivaistica”. “L’applicazione delle nuove norme – ha sottolineato ancora il capogruppo dell’Udc a Palazzo dei Leoni - porterà ad un innalzamento dei costi di produzione e di conseguenza la non competitività delle nostre aziende con i competitor internazionali. Inoltre – ha aggiunto - le notevoli carenze strutturali del settore rendono ancora più allarmante la situazione”. Complessivamente sono circa 250 le aziende che non hanno rinnovato la licenza per poter operare e c’è il serio rischio che altre centinaia di aziende si ritrovino nella stessa situazione, con una pericolosa ricaduta negativa per l’indotto del settore del vivaismo agrumicolo”.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400