Scuola

Rivoluzione presidi
Movimenti e accorpamenti

Cambiano diversi presidi nelle scuole cittadine. Dopo il pensionamento di molti storici dirigenti, definite le sostituzioni. Una ventina gli accorpamenti in provincia.

scuola

E’ una minirivoluzione quella che è avvenuta nella scuola messinese. Il pensionamento di molti presidi storici della città ha portato ad un turbillion che riscrive la geografia dei dirigenti di molti istituti. Non guideranno più, dopo diversi anni,  le loro scuole Nino Grasso il Liceo Maurolico, Ettore Gatto l’Archimede , Bartolo Speranza il Maiorana; Claudio Stazzone lo Jaci e Giosy Costa il Nautico. Lo Re e Gatto, per la verità, hanno presentato ricorso al collocamento a riposo ed il loro destino si conoscerà a fine mese. L’ufficio scolastico regionale ha varato il dettagliato programma delle variazioni e dei trasferimenti dei dirigenti scolastici. La lunga lista va integrata con quella delle scuole sottodimensionate , cioè con meno di 600 alunni, per le quali, ci sarà una reggenza che porterà un preside a dover far la spola fra due istituti.

Per quanto riguarda le novità cominciamo dal Liceo Classico Maurolico dove il dopo Grasso si chiama Gaetana Crieleison. Viene dall’esperienza di un istituto comprensivo – scuola elementare e media, dunque -  come il Pascoli. Al Liceo Archimede, Ettore Gatto sarà sostituito da Maria Flavia Scavello che ha guidato l’istituto superiore Gepy Faranda, un tecnico di Patti. All’istituto Nautico non vedremo più Giosy Costa. All’istituto che fu di Luigi Rizzo arriverà Maria Schirò che ha prestato servizio fino all’anno scorso al comprensivo di Terme Vigliatore. Certo l’accorpamento del Verona Trento con il Majorana. La preside è Concetta Barone, la stessa degli ultimi due anni che però è stata sostituita negli ultimi due anni da Lo Re e Prudentino. Allo Jaci, il titolare è Carlo Davoli che però non dovrebbe occupare la poltrona di Claudio Stazzone  e portare ad una reggenza o ad un’assegnazione provvisoria. Altra reggenza è prevista per l’artistico Basile dove non ci sarà più Renato Zafarana spostato a Novara di Sicilia. Una ventina nel complesso le scuole che risultano sottodimensionate e che quindi condivideranno il preside con altri istituti. Fra questi il Valli di Barcellona, il liceo classico La Farina di Messina, lo scientifico Spadafora, due scuole a Furci e S.Teresa Riva, ed il comprensivo Da Vinci a Briga e Giampilieri

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400