Messina

Truffavano rivendite Sisal
facendosi ricaricare
la Postepay

Con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata alla commissione del reato di truffa la Polizia, su ordine della Procura della Repubblica di Messina ha arrestato Marilù Catalano, 21enne originaria di Enna, sottoposta agli arresti domiciliari e Pasquale Bellia, 51enne residente a Belpasso (CT), sottoposto alla custodia cautelare in carcere. Un terzo soggetto residente a Mascali (CT) è attualmente irreperibile

 
Truffavano rivendite Sisal 
facendosi ricaricare 
la Postepay

Marilù Catalano

I tre da qualche anno avevano messo su un sistema che gli aveva permesso di truffare i titolari di bar, edicole e tabaccherie rivenditori Sisal, su tutto il territorio di Messina e Catania, e   gli aveva fruttato illeciti guadagni per migliaia di euro. Si presentavano all’interno degli esercizi commerciali chiedendo una ricarica della somma di 500 euro su di una carta Postepay che solitamente era quella intestata al BELLIA ed al momento del pagamento tiravano fuori il bancomat o la carta di credito. A quel punto, considerando che selezionavano le proprie vittime tra coloro i quali non avevano l’abilitazione al pagamento tramite POS, lasciavano un documento d’identità in originale o in copia, o in alcuni casi un numero di telefono sul quale avrebbero potuto essere rintracciati. Quindi si eclissavano promettendo di recarsi al più vicino sportello bancomat per ritirare la somma dovuta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi