INIZIATIVE

“Emergenza Caldo”: primo resoconto dell’Asp

Riuscito il programma di assistenza rivolto agli anziani ed ai soggetti più deboli, realizzato in sinergia con il Comune di Messina, la Protezione civile, il Privato Sociale e le Associazioni di Volontariato

“Emergenza Caldo”: primo resoconto dell’Asp

Un incremento delle richieste di prestazioni domiciliari da parte degli utenti: è il dato più significativo che emerge dal primo, provvisorio resoconto, tracciato dalla Azienda Sanitaria Provinciale di Messina e inviato all’Assessorato Regionale della Salute, del progetto “Emergenza Caldo”, il programma di assistenza rivolto agli anziani ed ai soggetti più deboli, realizzato in sinergia con il Comune di Messina, la Protezione civile, il Privato Sociale e le Associazioni di Volontariato.

Secondo quanto condiviso dal Gruppo di Coordinamento del Programma, che ha stabilito compiti e azioni di tutti gli attori del Piano Operativo Locale (attivo fino al 15 settembre), in queste settimane l’Asp Messina ha innanzitutto coinvolto i responsabili dei Presidi Territoriali di Emergenza, dei Presidi di continuità Assistenziale, dei presidi di Pronto soccorso Ospedalieri e dei Punti di Primo Intervento di nuova istituzione, i principali riferimenti del Programma assieme ai medici di Medicina Generale. Agli stessi è stato inviato il Piano Operativo Locale e le schede di monitoraggio.

A queste attività si sono poi aggiunte quelle integrate con gli altri partners del progetto. Tra queste, la realizzazione della “Guida ai Servizi 2012”, con tutte le notizie utili per prevenire gli effetti indesiderati legati alle alte temperature, i numeri telefonici di riferimento, come il numero verde gratuito 800–995–988, operativo h24, e soprattutto i punti nei quali vengono erogati i servizi di assistenza, tra cui quelli individuati dall’Asp Messina.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400