Messinambiente

I lavoratori sono stufi
venerdi sit-in

Metà dei lavoratori sono ancora in attesa della mensilità di giugno e non si parla ancora dello stipendio di luglio. e così la maestranze hanno deciso di effettuare un sit in venerdì prossimo dalle 9 alle 12 davanti a Palazzo Zanca. Ad organizzarlo la FP della CGIl e la Uil Trasporti

messinambiente

La protesta dei lavoratori di Messinambiente sta per riesplodere.  Un silenzio che non promette nulla di buono e così la maestranze hanno deciso di effettuare un sit in venerdì prossimo dalle 9 alle 12 davanti a Palazzo Zanca. Ad organizzarlo la FP della CGIl e la Uil Trasporti.  Ormai la misura è colma –hanno dichiarato oggi  Carmelo Pino, Segretario del Settore, Clara Crocè Segretario Generale della FP CGIL e Silvio Lasagni della UILtrasporti-  ancora una volta i lavoratori di Messinambiente trascorreranno un Ferragosto nell’incertezza e senza soldi. Metà dei lavoratori sono ancora in attesa della mensilità di giugno e non si parla ancora dello stipendio di luglio. E questo perché il sindaco Buzzanca ed il liquidatore Ruggeri disattendono gli impegni assunti . Nessuna traccia dei 300,000 mila euro  che dovevano essere versati all’azienda ll’indomani dell’incontro in Prefettura- continuano Pino Crocè e Lasagni- questa somma non è mai arrivata nelle casse della Messiambiente . Non si comprendono inoltre i criteri utilizzati dal liquidatore Di Maria per procedere al pagamento degli stipendi soltanto ad un parte dei lavoratori. Una circostanza questa che ha provocato malessere fra i dipendenti di Messinambiente.  Ma le cattive notizie non riguardano solo i dipendenti ma anche i cittadini messinesi che pagano fior di tasse per ottenere un servizio scadente. Senza soldi da parte del Comune –sostengono FP CGIL e Uiltrasporti- sarà presto a rischio la  raccolta dei rifiuti. Il liquidatore Armando Di Maria ha comunicato alle organizzazioni sindacali che  nei prossimi giorni il servizio potrebbe subire uno stop perché mancano i soldi, non solo per gli stipendi, ma anche per il carburante  e per il pagamento dei contributi. Per scongiurare l’interruzione del servizio  Pino Crocè e Lasagni chiedono  un incontro urgente per conoscere la destinazione dei 3 milioni di euro che vengono versati all’ATO 3. Secondo i sindacati,infatti, non c’è alcuna proporzione fra le risorse che vengono assegnate all’ATO 3 e quella che finiscono a Messinambiente. Un aspetto sul quale CGIL e UIL intendono fare chiarezza al più presto.  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400