Svincoli

L'assessore Vecchio
Il viadotto Ritiro
va messo in sicurezza

I lavori di adeguamento sismico verranno eseguiti dall’Anas, contemporaneamente al completamento del “Giostra-Annunziata”. Vecchio: «Lo svincolo non potrà aprire prima degli interventi». Ma Buzzanca sostiene il contrario.

L'assessore Vecchio
Il viadotto Ritiro 
va messo in sicurezza

La priorità assoluta è la messa in sicurezza del viadotto Ritiro. Contemporaneamente andranno avanti i lavori di completamento degli svincoli. Che però non potranno
aprire se prima non verrà conclusa la messa in sicurezza del viadotto, anche se il sindaco Buzzanca continua a sostenere il contrario.

«È prioritario che la città utilizzi gli svincoli per cui ha penato per 20 anni – ha sottolineato Vecchio – ma che ciò avvenga in condizioni di estrema sicurezza e in assenza di criticità, sia per chi vi transiterà sopra, sia per chi abita sotto». Ma la domanda che si pongono tutti i messinesi è: il completamento dello svincolo è “condizionato” alla messa in sicurezza del viadotto? Un punto che sembrava chiaro e che invece ha generato uno di quegli equivoci che lo stesso Vecchio aveva chiesto di evitare.
A precisa domanda l’assessore ha risposto: «Lo svincolo non può aprire senza il viadotto in sicurezza, secondo lei potrebbe mai aprire?». 
La messa in sicurezza del viadotto ed il completamento dello svincolo andranno avanti contemporaneamente». E se il completamento dello svincolo dovesse avvenire prima della messa in sicurezza, potrebbe aprire? Il sindaco Buzzanca anche ieri sera ha sostenuto di sì, «seppur a carreggiata ridotta». E l’assessore Vecchio? «Ho detto che i lavori andranno avanti contemporaneamente».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400