Policlinico

Muore neonato,
aperta un'inchiesta

Un neonato, di soli 26 giorni, è morto nell’Unità di Terapia Intensiva Neonatale del Policlinico. Il piccolo, era nato di sette mesi, ma non aveva accusato alcun problema e fino a domenica mattina. I genitori hanno presentato una denuncia e la Procura ha aperto un’inchiesta. Presto dovrebbero scattare i primi provvedimenti della magistratura

Policlinico Messina

Neppure  i medici hanno saputo dire ai genitori perché il piccolo cuore di Riccardo ha cessato improvvisamente di battere.Ora a fare chiarezza toccherà alla Procura che ha aperto un'inchiesta. Ad aprirla il sostituto procuratore Anna Maria Arena che ha delegato  i Carabinieri ad acquisire al Policlinico, dove il bambino è venuto alla luce, le cartelle cliniche e ad identificare i medici che si sono occupati di lui nei soli 26 giorni di vita.

Riccardo era nato di sette mesi il 3 luglio scorso nel reparto di Ostetricia del Policlinico. La madre, una 27enne, aveva avuto una gravidanza regolare. Il piccolo Riccardo alla nascita pesava un chilo e 900 grammi ed era stato ricoverato nell’unità di terapia intensiva neonatale. La madre, subito dimessa, lo allattava regolarmente ed il bambino non accusava alcun problema. Domenica scorsa alle sei del mattino la madre lo ha allattato regolarmente e Riccardo era vispo come sempre. Quando la donna è tornata in reparto a mezzogiorno per la nuova poppata i medici non le hanno permesso di vedere il figlio. Poco dopo le hanno comunicato che Riccardo improvvisamente non dava più segni di vita. I medici hanno tentato inutilmente di rianimarlo. Verso le 12 e mezza hanno comunicato alla madre che il bambino era morto ma alla richieste di spiegazioni tutti hanno allargato le braccia. Ai genitori di Riccardo, assistiti dall’avvocato Rina Frisenda,  non è rimasto altro da fare che recarsi dai Carabinieri della stazione di Gazzi per sporgere denuncia. Il sostituto procuratore Anna maria Arena ha disposto l’autopsia che sarà eseguita all’obitorio del Policlinico. Nelle prossime ore scatteranno le prime iscrizioni nel registro degli indagati.


 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi