CRISI ALLE EOLIE

Sale prezzo trasporti
affitti in calo

La crisi economica ha riflessi negativi sul turismo dell'arcipelago. Diminuiscono i traghetti da Napoli ed aumenta il prezzo dei biglietti degli aliscafi. Molte le case in affitto vuote

Sale prezzo trasporti
affitti in calo

Il mese di luglio sta andando in archivio ma il consuntivo della prima parte della stagione turistica presenta indici negativi per quanto riguarda l’arcipelago eoliano. La bellezza del paesaggio e le acque cristalline non  sono sufficienti, in tempi di profonda crisi, per attirare villeggianti che non siano quelli del “mordi e fuggi” . A tenere lontani i turisti sono da una parte i servizi di collegamento e dall’altro i prezzi degli affitti delle case, molte delle quali ancora vuote. Il prezzo dei biglietti degli aliscafi è lievitato notevolmente, chissà se per via dell’accordo tra Snav e Trenitalia che consente a chi arriva in treno a Napoli di proseguire verso le Eolie con un biglietto unico. Per quanto riguarda i traghetti, le partenze dal porto partenopeo  sarà pure questa una pura coincidenza  si sono invece ridotte a due sole corse a settimana. Il volume d’affari del mercato eoliano delle locazioni turistiche è diminuito del 30-40% e le case vengono quindi offerte per i fine settimana, con modalità “last minute”, con sconti fino al 30%. La nuova moda è quella, per i messinesi, ad esempio, di mandare in vacanza i propri figli con i compagni di scuola come premio per la promozione. Il maggior numero di case è a Lipari ed a Salina. A Lipari un’abitazione con 4-5 posti-letto viene offerta da 300 euro fino 1000 euro per la settimana a cavallo di Ferragosto. A Santa Marina Salina si va da 600 euro fino a 1400 euro per la settimana di Ferragosto

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Referendum: alle 12  ha votato il 16,8%, ma con disagi

A Messina il No al 70%

di Domenico Bertè