La Regione decide

Taormina non è
un “borgo marinaro”

"Persi i fondi destinati alla riqualificazione dei suoi alberghi». È quanto lo rende noto Sebastiano De Luca, presidente regionale di Confindustria Sicilia Alberghi e Turismo.

Taormina non è
un “borgo marinaro”

 

Un’opportunità
economica svanita insomma
per gli operatori economici
della Perla dello Jonio. «La
nostra città - ha infatti dichiarato
De Luca – non potrà attingere
ai fondi Po Fesr
2007-2013 recentemente
sbloccati dall’Assessorato regionale
alle Attività produttive.
Nell’ambito di questa
tranche di finanziamenti sono
stati messi in graduatoria
ai primi posti i piani riguardanti,
appunto, i borghi marinari.
Taormina, non sappiamo
ancora per quale motivo,
che intendiamo comunque
approfondire in seguito, non
viene considerata tale. L’indicazione
fornisce dieci punti
in più a tutti gli altri progetti
presentati che hanno scavalcato
quelli taorminesi».
Un’opportunità economica svanita insomma per gli operatori economici della Perla dello Jonio. «La nostra città - ha infatti dichiarato De Luca – non potrà attingere ai fondi Po Fesr2007-2013 recentemente sbloccati dall’Assessorato regionale alle Attività produttive.Nell’ambito di questa tranche di finanziamenti sono stati messi in graduatoria ai primi posti i piani riguardanti,appunto, i borghi marinari. Taormina, non sappiamo ancora per quale motivo, che intendiamo comunque approfondire in seguito, non viene considerata tale. L’indicazione fornisce dieci punti in più a tutti gli altri progetti presentati che hanno scavalcato quelli taorminesi».

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400