Messina

Nafta in mare a Ganzirri davanti alla Torre Saracena

Uno sversamento dal pontile di rifornimento che è stato autorizzato in quel punto, ha prodotto l’inquinamento durante l’erogazione ad un’unità da diporto

Nafta in mare a Ganzirri davanti alla Torre Saracena

Brutta sorpresa ieri per i vacanzieri che scelgono la spiaggia antistante la Torre Saracena, nel cuore di Ganzirri, perché l’odore di nafta e il mare oleoso color bronzo li hanno fatti desistere dal fare il bagno. Uno sversamento di nafta, dal pontile di rifornimento che è stato autorizzato in quel punto, ha prodotto l’inquinamento durante l’erogazione ad un’unità da diporto. A quanto pare gli stessi titolari dell’impianto si sono dati da fare per contenere la macchia oleosa, al resto ci hanno pensato le correnti dello Stretto che a Ganzirri, zona B e area di pre-riserva dei Laghi, tra discendente e montante si alternano con costante forza pulente. Su segnalazione degli abitanti è intervenuta la Guardia costiera che ha provveduto a formalizzare una diffida per evitare il ripetersi di incidenti analoghi con sistemi e precauzioni più adeguate nel rifornimento dei natanti.

Nella pec di segnalazione i rappresentanti del Comitato per la tutela del lungomare di Ganzirri segnalando la sostanza oleosa proveniente dal rifornimento di benzina per imbarcazioni sito in Via Marina località Torre di Ganzirri, hanno fatto rilevare che “tale sostanza proveniva da una imbarcazione ormeggiata presso la loro struttura durante le fasi di rifornimento”. Nel denunciare “l’ inquinamento del locale ecosistema marino rientrante nella zona B di pre-riserva dei Laghi di Capo Peloro” sottolineano che “tale fenomeno non è isolato ma si ripete spesso soprattutto in questo periodo dell'anno”. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi