Risanamento

Ultimi cantieri e addio

Si fa sempre più evidente il fallimento del progetto avviato con la legge 10 del 1990. Comune e Iacp sembrano aver alzato bandiera bianca. In corso i lavori della piazza di Sant’Antonio e dei 46 alloggi di Camaro. Il resto è desolazione.

Ultimi cantieri e addio

Se e quando verranno completati, non ci sarà più un euro per portare avanti le altre opere inserite nel “nuovo” cronoprogramma risalente ormaial 2004. Bisognerà cambiare
rotta, anzi occorreva farlo già da tempo, per inventare nuove soluzioni, seguire strade alternative, coinvolgere davvero l’imprenditoria privata, inserire i progetti nell’ambito di un più generale piano di riqualificazione urbana del centro e delle periferie. Ma sono tutti discorsi teorici, che lasciano il tempo che trovano, purtroppo senza alcun sbocco concreto. Del risanamento sembra non importare più niente a nessuno (con qualche rara, seppur lodevole, eccezione).  E ci perdoni l’assessore Roberto Sparso, sul cui impegno nessuno ha da ridire. L’amministrazione comunale non può dare la sensazione di essersi arresa alle difficoltà e alla carenza di fondi. E invece oggi Palazzo Zanca sembra aver abbassato la guardia e alzato bandiera bianca. Anche il sindaco Buzzanca da mesi non dice una parola sul risanamento, è come se fosse un tema già caduto nel dimenticatoio.

Sul quotidiano (a pagina 26) l'articolo completo di Lucio D'Amico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Referendum: alle 12  ha votato il 16,8%, ma con disagi

A Messina il No al 70%

di Domenico Bertè