messina

Amam, acqua h 24 e 60 assunzioni

Presentato il piano operativo triennale dell'Amam che fino al 2020 punta a investire 134 milioni di euro. La priorità è quella di dare l'acqua a tutti i messinesi per 24 ore al giorno e non solo 6 o 7 come accade ora

Amam, acqua h 24 e 60 assunzioni

134 milioni di investimenti nei prossimi tre anni e il progetto ambizioso di dare acqua alla città per tutto il giorno. Il piano operativo fino al 2020 di amam è ricco di eventi. Alcuni sicuramente possono cambiare la percezione della efficacia del servizio idrico in città. Proprio a cominciare dalla possibilità, finalmente, di avere tutto il giorno l’acqua a disposizione, e non solo per sei ore e non per tutti.

È la prima uscita del nuovo amministratore unico Amam. L’avvocato Francesco Bonanno sostituisce l'intero consiglio amministrazione guidato per tre anni da Leonardo Termini. Due le grandi direttrici di investimento una si Chiama H 24 e riguarda la distribuzione città l’altra si chiama tutto pulito e riguarda invece la sistemazione della degli sversamenti e della depurazione con l'avvio in 18 mesi, assicurano, dell'impianto di Tono.

Ma come immagina di poter garantire acqua a tutta la città? Occorrono una serie di azioni che si devono perfezionare. La prima è la drastica riduzione delle perdite nei 70 km dell'acquedotto Fiumefreddo e sopratutto nella nella rete idrica cittadina. In più dovrà anche essere completato il secondo serbatoio del Montesanto. E ovviamente dovranno essere recuperate delle alternative anche al di là dell' accordo con Siciliacque per l’altra grande condotta l'alcantara. In caso di emergenze la prospettiva più realistica è quella dei dissalatori. La ricerca di nuove fonti ha dato esito parzialmente negativo. attorno a Messina l'acqua non manca ma è diffusa e non raccoglibile.

E poi c'è il delicato tema dell'organico.

Oggi lavorano circa 65 persone ad Amam. Nel piano presentato oggi sono previste altrettante assunzioni. Le prime 47 già entro il 2018 e per 31 si tratta di ruoli scoperti, sedici invece sono le mansioni oggi affidate a contratti a tempo determinato ma in scadenza. I bandi per la selezione pubblica, dopo un passaggio nel bacino degli esubieri delle partecipate italiane, potrebbero scattare in estate.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi