Amministrative

Messina, si alzano i toni

Lo Monte e Navarra ai ferri corti. La delusione di Gaetano Sciacca

Palazzo Zanca

È iniziata la fase “calda” della campagna elettorale. Entrano in gioco i big, nascono casi spinosi attorno a manovre tra avversari, si accendono polemiche a distanza dai toni forti. Ieri il centrodestra ha lanciato il rush finale della campagna elettorale di Dino Bramanti e lo ha fatto schierando i big: sul palco, con il governatore della Regione Nello Musumeci ed il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani, e in platea, con tutti i leader di partito schierati nelle prime file. Oggi, invece, toccherà al centrosinistra, con un evento a piazza Cairoli con Antonio Saitta e tutti i candidati, mentre ieri pomeriggio Cateno De Luca ha tenuto un comizio (con polemica sulla mancata autorizzazione comunale) a piazza Duomo.

E a proposito di polemiche, ieri il candidato dei Cinquestelle Gaetano Sciacca è tornato a manifestare con durezza la sua delusione per il passaggio in Forza Italia di uno dei suoi assessori designati (Cristina Rossitto), mentre è “infuocato” il duello a distanza tra deputati: Carmelo Lo Monte (Lega) contro Pietro Navarra (Pd).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi