MESSINA

Il Biliardo diventa attività didattica

Quattro scuole messinesi hanno aderito al progetto nazionale ideato dalla Fibis. Gli istituti coinvolti sono Nautico, Verona Trento, Minutoli e Antonello

Il Biliardo diventa attività didattica

Divulgare le discipline del biliardo sportivo nelle scuole secondarie di II grado, utilizzandole come strumento didattico per approfondire la conoscenza di alcune materie come la geometria, la fisica e la matematica, applicate alle regole di gioco e allo sviluppo dell’esecuzione dei tiri. Un’occasione volta alla socializzazione ma anche alla capacità di concentrazione e all’autocontrollo grazie al progetto nazionale “Biliardo e Scuola”, nato da una iniziativa della Fibis, Federazione italiana biliardo sportivo, in collaborazione con il Coni ed il ministero della Pubblica Istruzione. Sono 4 gli istituti di Messina aderenti al progetto: il “Caio Duilio”, il “Minutoli”, il “Verona Trento” e l’“Antonello”. Imparare divertendosi si può, grazie agli incontri che si svolgono al Pool Planet, in via Oreto, con squadre composte da 4 elementi più le riserve, guidati dal coordinatore regionale del progetto “Scuola & Biliardo” Antonio Di Pietro e dall’istruttore Dario Barbera, responsabile provinciale del pool agonistico e dai docenti responsabili di ogni scuola. «Nel corso delle lezioni – ha spiegato Di Pietro – vengono analizzate e proposte in maniera scientifica agli allievi le regole sportive che sono integrate in modo sinergico da geometria euclidea, fisica dinamica, equazioni di moto, teorie degli urti, angoli di incidenza e rifrazione. I ragazzi, particolarmente entusiasti, stanno partecipando alle prove di campionato e la squadra vincitrice parteciperà dall’1 al 3 giugno alle finali nazionali che si svolgeranno a Cervia, in provincia di Ravenna». Oltre alla componente didattica poi c’è da dire che il Biliardo resta comunque una disciplina sportiva e così si sono creati dei veri e propri tornei studenteschi a livello Regionale e Nazionale. Attraverso questo progetto, divulgato dalla prof. Maria Cristina Cavaletti, i docenti di Educazione fisica delle scuole che aderiscono all’iniziativa, possono inserire la pratica del Biliardo come attività didattica al pari di altri sport svolti comunemente nelle scuole.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi