MESSINA

Truffa dei “protesti”, 9 condanne

Le riabilitazioni false in tribunale e alla camera di commercio di soggetti con problemi economici. In due si facevano pagare tra i 200 e gli 800 euro per le pratiche fittizie

Truffa dei “protesti”, 9 condanne

Si è concluso con ben nove condanne, e due assoluzioni, il processo per le false riabilitazioni di soggetti protestati, una truffa ai danni del Tribunale e della Camera di Commercio che fu scoperta dai carabinieri della Sezione di polizia giudiziaria nel 2013.

Una storia che impegnò per mesi i militari e che dopo l’arresto dei due “organizzatori”, il 60enne Nicola Tornesi e il 62enne Salvatore Scavello, fece finire nei guai i soggetti che si erano affidati ai due per avere una riabilitazione falsa, pagando somme tra i 200 e gli 800 euro.

La sentenza è stata emessa nel primo pomeriggio di ieri dal giudice monocratico Fabio Pagana. I due “organizzatori” Salvatore Scavello e Nicola Tornese, che rispondevano di una serie di falsi, sono stati condannati rispettivamente a 5 anni e 4 anni e 8 mesi di reclusione.

L’articolo completo potete leggerlo nell'edizione cartacea

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi