Mistretta

La polizia a scuola per parlare di cyberbullismo

Da Marcello La Bella, dirigente del Compartimento polizia postale e delle comunicazioni Sicilia orientale, forniti ai ragazzi anche consigli su come muoversi in rete.

La polizia a scuola per parlare di cyberbullismo

Cyberbullismo e rischi in rete i principali temi dell’incontro con gli studenti di Mistretta tenutosi lo scorso sabato presso il cine-teatro Odeon. “Il cyberbullismo, la legalità informatica e i reati commessi dai minori”, organizzato dall’Istituto di Istruzione Superiore Manzoni con la collaborazione del Comune di Mistretta, dell’associazione CO.TU.LE.VI (Contro Tutte le Violenze), del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Patti e dell’Associazione Forense “AM’ASHTART.

A parlare con i giovani fruitori della rete e a dare consigli utili per non incappare in truffe e situazioni pericolose il dottor Marcello La Bella, Dirigente del Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni Sicilia Orientale. Il dottor La Bella ha fornito un quadro chiaro ed esaustivo delle attività della Polizia di Stato in questo delicato ambito in continua evoluzione, fornendo consigli e “dritte” su come muoversi in rete e su cosa fare a partire da strumenti pratici come il Commissariato di PS online, a cui si può accedere in qualunque momento per poter segnalare un uso improprio della rete.

Con il dottor Di Bella, sul palco, in qualità di relatori, la dott.ssa Ada Merrino, Procuratore Capo presso la Procura per i Minorenni di Messina, la dott.ssa Sebastiana Ciardo, Giudice presso il Tribunale di Palermo e il Dott. Giovanni Antoci, Sostituto Procuratore a Termini Imerese.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi