Interrogazione al Governo

Il Centro Nato in Parlamento

Chieste rassicurazioni sullo smaltimento dell’amianto: fondamentale non inficiare l’assetto naturale e sanitario. Dubbi del deputato Americo Porfidia di “Noi Sud”

centro nato

La creazione del “Centro di eccellenza Nato” all’Arsenale di Messina continua a spaccare il fronte politico e civile locale. La questione, però, ha ormai superato i confini dello Stretto “sbarcando” alla Camera dei Deputati. Il deputato di “Noi Sud”, Americo Porfidia, ha infatti presentato un’interrogazione ai vari ministri competenti sull’opportunità di far insediare nella zona Falcata i cantieri per la demilitarizzazione di unità navali della Nato. «Stiamo parlando di smaltimento di prodotti chimici e idrocarburi , agenti inquinanti e cancerogeni, rifiuti tossici e speciali – ha scritto il parlamentare membro della commissione Difesa della Camera –. Dato il particolare tipo di naviglio in questione, è presumibile che vi sarà da smaltire e accumulare un grande quantitativo di amianto, ma al momento non è dato sapere dove verrà stoccato questo pericolosissimo materiale, che tanta morte e sofferenza ha già provocato in Italia e nel mondo».
Almeno per il primo anno arriveranno
a Messina navi già
bonificate, considerando che
gli attuali impianti non hanno a
disposizione tutti gli strumenti
necessari. Entro la prossima
estate, però, il progetto che prevede
un investimento da 25-30
milioni dovrebbe entrare pienamente
a regime.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400