Messina

Amianto killer, omissioni e sottovalutazioni

Dopo il sequestro delle discariche abusive di Maregrosso si riaccendono i riflettori sull'emergenza ambientale

Amianto killer, omissioni e sottovalutazioni

La Sicilia è la prima regione meridionale per numero di morti per malattie correlate all’esposizione all’amianto. A Messina non si conoscono né le cifre né le proporzioni del fenomeno, eppure la situazione è allarmante, come attestano documentazioni fotografiche e sequestri di aree con alta concentrazione di materiali in eternit. Un caso eclatante è stato quello delle discariche abusive che insistono sul litorale di Maregrosso ma, pur in assenza di dati ufficiali precisi, è del tutto evidente la larga diffusione nei nostri territori dei manufatti in cemento amianto (Mca), in particolare serbatoi idrici e tettoie, utilizzati dai cittadini per i loro bassi costi e per le loro alte capacità di resistenza anche agli agenti atmosferici. Il rischio è sempre in agguato ed è ancor più pericoloso perché le malattie collegate all’amianto hanno una latenza che può anche durare 40 anni. Il 2018 è considerato un anno “horribilis” perchè si dovrebbe raggiungere, secondo gli esperti, il picco dei casi.

Si stima che il 70% dei siti contenenti cemento amianto sia rappresentato dagli edifici residenziali. Come affermano gli studiosi, pur essendo trascorsi ormai più di vent’anni dalla messa al bando della produzione e commercializzazione di questi materiali, la sottovalutazione dei rischi per la salute, la scarsa conoscenza della normativa sullo smaltimento di rifiuti speciali e gli elevati costi dello stesso smaltimento degli Mca, costituiscono le principali cause che favoriscono la diffusione del fenomeno.

L'articolo completo nell'edizione in edicola della Gazzetta del Sud.

Clicca qui per acquistare la tua copia digitale

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Tragedia in autostrada, due vittime

Tragedia in autostrada, due vittime

di Emanuele Cammaroto - Pasquale Prestia