VIOLENZA SESSUALE

Chiesta scarcerazione
per l'americano

I legali del 27enne, arrestato per aver violentato una turista inglese su una nave da crociera, hanno chiesto che il loro assistito lascia il carcere di Gazzi. L’uomo continua a professarsi innocente.

Chiesta scarcerazione
per l'americano

Ha trascorso la sua quarta notte nel carcere di Gazzi il 27enne stagista americano arrestato sabato dalla Squadra Mobile con l’accusa di aver violentato una turista inglese su una nave da crociera. Dalla sua cella il giovane del Colorado continua a dichiararsi innocente e a sostenere che il rapporto sessuale è stato consenziente e che è stato consumato dopo aver alzato un po’ il gomito al bar della nave.  L’americano continua a sostenere che la ragazza era d’accordo a farlo entrare in cabina e che subito sono iniziate le effusioni fino ad arrivare al rapporto completo. Forse solo a quel punto ci ha ripensato ed è fuggita ma ormai era troppo tardi. Proprio stamattina i suoi legali, gli avvocati Nino Cacia ed Alessandro Trovato hanno presentato istanza di riesame per chiedere la scarcerazione dello stagista statunitense. Nei prossimi giorni potrebbero chiedere che venga effettuato l’incidente probatorio. In questo caso dovrebbe essere sentita la 30enne turista inglese che già sabato è ripartita con i genitori per riprendere la crociera nel Mediterraneo per poi rientrare in patria. Verrebbero nuovamente visionati i filmati registrati dalle telecamere a circuito chiuso della nave Celebrity Equinox ed acquisiti dalla Squadra Mobili. Immagini in cui si vede la ragazza uscire dalla sua cabina nuda ed in lacrime e bussare alle porte delle altre cabine chiedendo aiuto. L’inchiesta è condotta dal procuratore aggiunto Vincenzo Barbaro e dal sostituto Anna Maria Arena.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi