Messina

Ialacqua: "Su Messinambiente nessuna intimidazione"

L’assessore all’Ambiente, Daniele Ialacqua, interviene sulla vicenda relativa all’avvio dell’operatività di Messinaservizi Bene Comune e sul “clima” che si è determinato

No G7, chieste dimissioni di Ialacqua e Alagna

Daniele Ialacqua

“L’iter per il passaggio dei lavoratori da Messinambiente a Messinaservizi Bene Comune è in corso e dovrà essere concluso entro l’anno, nell’interesse dei lavoratori e della città. Non consentiremo a nessuno di rallentare, sospendere o interrompere questo iter”.
L’assessore all’Ambiente, Daniele Ialacqua, interviene sulla vicenda relativa all’avvio dell’operatività di Messinaservizi Bene Comune e sul “clima” che si è determinato. “Il percorso è stato concordato con tutte le parti in causa, alla luce del sole, – prosegue l’Assessore – nel rispetto della normativa ed è stato esplicitato in assemblee con i lavoratori ed in occasioni pubbliche. Chi intende boicottare o “sporcare” con illazioni ed intimidazioni questo percorso ne dovrà rispondere nelle sedi opportune”. Il riferimento è chiaramente anche all’ennesimo atto d’intimidazione ai danni della società, con un'auto dei sorveglianti a cui sono state bucati gli pneumatici.
“Domenica prossima – conclude Ialacqua – scade il termine del bando per la selezione del nuovo direttore generale della Messinaservizi Bene Comune. Mi dicono sia già arrivato un buon numero di domande rispetto al precedente bando, il che fa ben sperare e ci consentirà di riempire una casella importante nel nuovo organigramma dell’ente gestore”.
Anche la SRR ieri ha fatto sapere di aver sospeso l'iter del procedimento per il passaggio dei lavoratori da messinambiente a messina Servizi. E non si è fatta attendere la risposta della partecipata che ha profilato un passaggio diretto senza passare dalla Societa regionale come avvenuto con gli Ato3.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Ecco i sei che progettavano un’altra Capaci

Ecco i sei che progettavano un’altra Capaci

di Francesco Celi - Leonardo Orlando

Tre arresti per una vendetta

Tre arresti per una vendetta

di Rosario Pasciuto